Lacreme d’ammore
7 Gennaio 2020

Napule int’ ‘o core

Tu si ‘a mamma de poeti e cantatori,
da gente sognatore
e pure de creature
che mangiano pane e illusione.

Tu si ‘a mamma du teatro,
da commedia e pure de tragedie;
da scienza, da cultura e de profussure;
ma si pure a mamma
da miseria e da disinvoltura.

Tu si ‘a mamma de grande suonne
e de canzone centenarie;
si storia da pizza e mandulino;
ma si pure a voce de uagliune
che chiagnene int’ e viche, sott’ e purtune.

Tu si ‘a mamma da bellezza,
do mare, do sole e do vesuvio,
addo l’uocchio se sposano
cu pussilipo e marechiaro;
ma si pure a città de vasce,
de viche stritt’ e case scarupate.

Tu si ‘a mamma e Pullecenella,
de Curtis, Eduardo, Peppino, Troise,
Daniele e de Crescenzo…;
ma si pure ‘o core e tanta gente
che pè campa venn’ suonne e sentimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.